Sicurezza ed Eticità

La stabilità delle quotazioni: tutto sotto controllo.

Punto d’equilibrio del mercato industriale dei diamanti è la Diamond Trading Company (ex De Beers)
che controlla circa il 60% della produzione mondiale di diamanti, attraverso due importanti società
che ne regolano la stabilità: la Diamond Producers Associations e la Central Selling Organization.

La prima raggruppa la quasi totalità delle miniere.
La seconda gradua nelle aste e nell’arco dell’anno la quantità di diamanti da immettere sul mercato.
Questo è uno dei motivi per cui anche in periodi di forte depressione, le quotazioni delle pietre
in sede industriale possono rimanere invariate, ma senza subire delle flessioni.

Tutti i diamanti proposti da Diamanti italia S.p.A. rispettano i principi etici
del “Kimberly process”, istituito nel 2002 e firmato da 37 stati.

Questo protocollo internazionale,voluto dall’ONU insieme ai Governi dei Paesi produttori,
vincola tutti i Paesi aderenti al raggiungimento dei requisiti di trasparenza,
con stretti controlli all’origine, per prevenire l’immissione in commercio
di diamanti illegali, detti “blood diamonds”.